Silvia Camisasca al Think Tank Remind “Politiche Industriali in Armonia con il Creato”

E’ intervenuta al Think Tank Remind “Politiche Industriali per lo Sviluppo e la Messa in Sicurezza dei Territori e delle Città per il Benessere delle Persone in Armonia con il Creato” Silvia Camisasca, Fisica e Giornalista “Avvenire” e “L’Osservatorio Romano” che ha dichiarato:

“Un grazie sentito a Paolo Crisafi per l’invito a questa bellissima giornata di lavoro. Colgo l’occasione per complimentarmi con lui per il grande impegno che sta portando avanti come Remind nell’approfondimento del tema ambientale e dello sviluppo sostenibile.

Proprio la scorsa settimana ho avuto modo di partecipare ad una tavola rotonda organizzata dall’Unione dei giovani imprenditori e manager della Lombardia, da cui sono emersi alcuni dati molti interessanti, che attestano un aumento del 20% nel nostro Paese negli ultimi 5 anni delle imprese che operano nel settore green. In particolare, queste sono promosse da giovani imprenditori, proprio a testimonianza della crescente sensibilità, soprattutto tra la fascia giovane della popolazione, legata ai temi della sensibilità ambientale.

Tematiche ambientali che sono strettamente correlate inoltre alle questioni sociali, come afferma anche la stessa Enclica Laudato Sì del Santo Padre, dove la parola “povero” compare all’incirca sessanta volte. In questo senso è fondamentale porci tanto l’obiettivo della de-carbonizzazione e dell’approvvigionamento energetico sostenibile, quanto quello dell’estensione dell’accessibilità alle fonti di energie a tutta la popolazione mondiale.

La stessa pandemia ha rimarcato come la questione ambientale e climatica e quella sociale siano due lati della stessa medaglia e come, soltanto attraverso un accordo, un patto globale per la tutela della natura e dei più fragili, si possano superare le grandi sfide collettive che ci attendono.

Uniamoci tutti quindi per prenderci cura della Madre Terra e per combattere e risolvere, allo stesso tempo, il sempre più profondo divario tra ricchi e poveri nel mondo, supportando coloro che si trovano maggiormente in uno stato di difficoltà”.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts