Giovanni Legnini, Premio Internazionale Buone Pratiche

Il premio internazionale per le buone pratiche di NewsReminder (Paolo Crisafi) in collaborazione con il Parlamento Europeo – Ufficio Italia (Carlo Corazza), conferito a Giovanni Legnini, si pone come riconoscimento al commissario straordinario per i tanti e rilevanti risultati conseguiti e come augurio a lui e alla sua capace e competente squadra per il restante e impegnativo lavoro ancora da svolgere.
Tra i risultati raggiunti la fortissima accelerazione delle pratiche per ottenere i contributi per la ricostruzione, la semplificazione delle procedure, l’attivazione dei poteri in deroga per le opere pubbliche urgenti, l’integrazione del contributo con eco e sismabonus, il Superbonus rafforzato per il cratere, lo studio preventivo di faglie e dissesti idrogeologici, il protocollo per la legalità, la salute e la sicurezza dei cantieri post sisma e, non meno importante, la recente scelta di perseguire processi di ricostruzione che prevedano e incentivino la qualità energetico-ambientale degli interventi edilizi e immobiliari mediante la richiesta di applicazione dei protocolli nazionali e internazionali di certificazioni degli immobili.
L’azione del commissario straordinario per la ricostruzione sisma 2016, in carica dal 2020, si è distinta in breve tempo per la forte incisività ed efficacia; nel contempo ha dato prova del rispetto del principio di inclusività e, non meno importante, ha attivato una concreta rinascita ambientalmente sostenibile.
La decisa accelerazione dei processi di ricostruzione prodotta dal Commissario Straordinario di Governo Giovanni Legnini, ha fatto leva in modo innovativo su una pragmatica opera di semplificazione delle procedure al contempo garantendo un costante e proficuo confronto con i soggetti pubblici e privati coinvolti nel processo di ricostruzione.

Di seguito la dichiarazione del Commissario Legnini:

“Grazie a Paolo Crisafi, Presidente Remind e del Comitato Editoriale di NewsReminder, e a Carlo Corazza, Rappresentante del Parlamento Europeo in Italia, per questo importante premio. L’esercizio della nostra funzione, soprattutto in un momento storico eccezionale come quello che stiamo attraversando, racchiude molteplici sensibilità e attitudini, incrociando la sofferenza delle persone, l’aspirazione dei territori e la necessità di innovare.
Proprio in questo momento mi trovo a Norcia, dove ho partecipato a un momento di confronto molto importante sul futuro della città e dei borghi che la circondano, quale ad esempio Castelluccio, totalmente distrutta dal sisma del 2016. E proprio qui abbiamo riflettuto sul fatto che la ricostruzione nelle quattro regioni del centro Italia così duramente colpite dal terremoto non può essere interpretata in chiave retrospettiva, risarcitoria, ripristinatoria, ma ha la necessità di alimentarsi di capacità di guardare al futuro. Bisogna quindi ricostruire sicuramente in modo autentico, ma non identico, introducendo, ovvero, quegli elementi di innovazione che sono assolutamente necessari per far sì che questi territori di straordinaria bellezza possano tornare a essere luoghi vissuti, popolati, di sviluppo e di lavoro.
Sono molto contento del fatto che si sia voluta sottolineare la nostra buona pratica per le filiere immobiliare e edilizia secondo le migliori prassi internazionali in materia di sostenibilità energetica-ambientale che in un momento particolare come questo è stata alimentata da scelte che considero innovative. Si pensi solo che nei primi quattro mesi del 2021 abbiamo decretato l’apertura di 2000 cantieri, triplicando la capacità di risposta rispetto all’anno precedente. In totale, sono circa 5000 i cantieri aperti nelle regioni dell’Italia centrale colpite dal sisma. Abbiamo inoltre introdotto rilevanti innovazioni procedimentali e di semplificazione, cercando il più possibile di coniugare semplicità, legalità e una visione di rigenerazione integrata dei territori.
Siamo riusciti a far sì che nel PNRR fosse posta una misura specifica per la rigenerazione urbana territoriale, al fine di alimentare politiche di sviluppo e di ripresa economico-sociale. Nel complesso, posso dire con soddisfazione di aver animato un’esperienza che vede un elevato livello di coesione, tra sindaci, amministratori locali e delle regioni, tra professionisti e imprese. È quindi nostra responsabilità continuare su questa strada.”

Giovanni Legnini, Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione sisma 2016

 

 

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts