Carlo Corazza:“Linea Recovery and Resilient Facility: la Persona al Centro degli Investimenti”

Cabinet staff member Carlo CORAZZA

“Ringrazio ancora una volta il presidente di Re Mind Filiera Immobiliare Paolo Crisafi per aver coinvolto il Parlamento Europeo in questa importantissima iniziativa. Credo che dietro le risposte che siamo riusciti a dare a questa crisi, in particolare come Parlamento Europeo ma anche a livello di Unione Europea, ci siano prima di tutto le persone, tutti coloro che hanno lavorato bene, con dedizione, e che a tutti i livelli delle istituzioni, dei governi locali, delle amministrazioni e dei privati, sono state di esempio: queste Buone Pratiche sono la luce in un momento di buio, un faro che ci deve guidare per uscire da questa crisi.

Tra queste Buone Pratiche mi sento di riconoscere il grande impegno dell’Unione Europea per accelerare lo sviluppo e la produzione di vaccini, che in questo momento è un po’ il porto in cui si cerca disperatamente di arrivare il prima possibile. Se riusciremo ad avere sufficienti dosi di vaccini già fra gennaio e aprile, e magari anche più di un vaccino efficace e operativo, questo sarà anche grazie al fatto che l’UE ha spinto la cooperazione tra Stati membri e così facendo ha cercato di mettere insieme, appunto, tutte le buone pratiche della ricerca privata e dei governi pronti a lavorare insieme.

Lo stesso impegno è stato messo sul fronte risorse in generale. Negli ultimi giorni, infatti, sono stati chiusi degli accordi politici molto importanti, sia sul nuovo bilancio 2021/2027, sia su fondi next generation, in particolare sulla linea recovery and resilient facility, di cui è responsabile anche il Parlamento Europeo. Questo accordo prevede anche un calendario per avere nuove risorse proprie, quindi non nuove tasse, e queste ultime saranno concentrate, per questo è così importante il lavoro che sta facendo Re Mind con la filiera immobiliare, sull’agenda green che toccherà prima di tutto la rigenerazione urbana, le smart city, la riqualificazione energetica degli edifici e anche la loro sicurezza dal punto di vista sismico, cosa che è particolarmente importante per un Paese come l’Italia. Un approccio non più meramente  emergenziale, ma un piano di rilancio e crescita che “internalizza” (mainstreaming) l’obiettivo della sostenibilità e della decarbonizzazione in tutte le politiche di settore e, grazie alla recente “Renovation Wave EU”, rende centrali i processi di rigenerazione urbana, facendo leva sugli immobili al fine di una loro decarbonizzazione per l’intero ciclo di vita, un efficientamento energetico-ambientale, un aumento dei processi di economia circolare, messa in sicurezza sismica e contenimento del consumo di suolo.

Stiamo parlando del 37% di tutti i fondi next generation, quindi 750 miliardi in next generation, almeno ¼ in generale del nuovo bilancio, quindi parliamo di 1.090 miliardi, del 30% dello strumento finanziario dell’UE invest you, 30% di tutti i fondi sulla ricerca che sono circa 100 miliardi, 40% di tutti i fondi agricoli; insomma parliamo veramente di cifre molto importanti: centinaia di miliardi di investimento che ogni anno in un partenariato  con i privati, potranno essere utilizzate anche per le nostre città, per la loro riqualificazione urbana, con sempre al centro la persona.

Concludo, infine, dicendo che la buona pratica è, in sintesi, l’assunzione di responsabilità di ciascuno e quindi ribadisco il fatto che al centro di investimenti e risorse c’è e ci dovrebbe sempre essere la persona. Continuiamo, quindi, a coltivare le Buone Pratiche all’insegna del lavoro responsabile e solidale, e in questo il ruolo di Re Mind e di NewsReminder in collaborazione con il Parlamento Europeo Ufficio Italia, è e continuerà ad essere fondamentale per il rilancio e la crescita futura del nostro Paese”.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts